Home

Didattica

Informazioni

Foto/Video

Contatti

 

La storia del Tessuto è antica quasi quanto la storia dell'Uomo: si ha testimonianza dell'esistenza e dell'utilizzo di tessuti già nell'Era Mesolitica (circa 4600-3200 a. C.)

 

Nel corso dei secoli l'arte dell'intreccio di fibre si evolve dando risultati sempre più stupefacenti e definendo delle vere e proprie opere d'ingegno.

 

Il tessuto è parte della nostra vita quotidiana e ci accompagna a strettissimo contatto, dalla nascita alla morte. Ha avuto anche una forte valenza politica, si pensi alle varie divise, o ancora a movimenti come quello della non-violenza di Gandhi che hanno fatto del tessere il proprio abito il simbolo della loro battaglia.

 

La confezione di abiti diventa nei secoli una vera e propria forma d'arte, attraverso l'aggiunta di ricami, pietre preziose, lavorazioni uniche e complesse. L'abito diviene segno di appartenenza ad un gruppo culturale, ad una determinata classe sociale o ancora ad una corporazione di lavoro. Ci distingue da altri e parla della vita di chi lo indossa.

 

 

Il NACT, Nina museo delle Arti Creative Tessili, raccoglie una piccola parte della storia del tessuto: stoffe, e quindi abiti, coperte, copriletto, asciugamani, tovaglie ed accessori, realizzati dalla seconda metà dell'Ottocento al primo ventennio del Novecento.

 

Il percorso, attraverso diverse sale, si concentra soprattutto sull'evoluzione stilistica e sul naturale cambiamento delle forme nel confezionamento dell'abito, in modo più specifico su quello femminile. Non mancano però esempi di capi maschili e da bambino, nonché abiti sacri e militari.

 

 

Il NACT nasce innanzitutto con l'idea di conservazione di una collezione privata di abiti e biancheria, ma soprattutto per poter far conoscere questo piccolo patrimonio ad un pubblico sempre più vasto, avvicinando le nuove generazioni alla storia del nostro territorio sotto altri punti di vista, meno noti. La prima parola dell'acronimo è infatti un nome proprio, meglio un diminutivo, Nina. È stato scelto in ricordo di Gaetana Graziani Scesi, grazie alla cui cura oggi si è in grado di poter esporre quest'eredità culturale.

 

 

L'allestimento è incentrato, quasi nella sua totalità, sul “recupero”: si sono usati infatti materiali reperiti nei mercatini dell'usato, dando loro nuova vita, per un'attenzione all'ecososteniblità e perché, oggi più che in altre epoche storiche, sembra doveroso limitare gli sprechi e far rivivere ogni oggetto del passato, seppure con dovute modifiche.

 

Discorso molto simile anche per gli spazi che ospitano l'esposizione - al centro della città fortezza di Civitella del Tronto - sono stati risanati dei locali che ospitavano il forno cittadino ed un'autorimessa, con interventi minimi, lasciando visibile la struttura originaria.

 

 

 

NACT di Guido Scesi.

P. iva 01866470675 C.F. SCS GDU 76R23 A944D

 

Attività didattiche per le scuole

 

 

SCUOLA PRIMARIA ( I -II -III elementare)

Durata laboratorio e percorso di visita: 3 h.

Nell’attività didattica è compresa la visita al museo, al borgo ed alla fortezza.

Prezzo per ogni bambino 4,5 euro (inclusi tutti i biglietti di ingresso).Minimo 15 pax.

 

 Sapreste riconoscere i vari tipi di tessuto?

Breve introduzione: cos'è il tessuto? Quando nasce e perché? A cosa serve?

Parte pratica:  vengo fatti passare di mano in mano scampoli di tessuto differenti (lana, cotone, lino, seta, ecc.) e si domanda ai bambini come si presentano al tatto, quindi quali sono le loro caratteristiche (caldo, freddo, morbido ruvido, ecc.). In base alle varie componenti si cercherà di capire in quale periodo dell’anno è possibile utilizzarli, facendo delle associazioni (es. lana – calda - inverno), così da far capire attraverso il senso del tatto le particolarità dei numerosi tipi di tessuto.

 

 

SCUOLA PRIMARIA ( III – IV - V elementare)

Durata laboratorio e percorso di visita: 3 h.

Nell’attività didattica è compresa la visita al museo, al borgo ed alla fortezza.

Prezzo per ogni bambino 4,5 euro (inclusi tutti i biglietti di ingresso).Minimo 15 pax.

 

 Come si vestivano le donne e gli uomini del passato?

Durante la visita al museo viene introdotto il concetto di moda, viene spiegato come questa cambi in continuazione nel corso del tempo, seguendo una propria evoluzione e creando tendenze tali da condizionare il modo di vestire degli italiani e non solo, ovviamente con influenze più o meno forti a seconda dei paesi coinvolti. Terminata la visita, nell’aula didattica, ai bambini verranno consegnati dei disegni: una parte raffigurante gli abiti indossati nel passato e l’altra riguardante invece il periodo storico in cui tali abiti erano indossati. I bambini dovranno quindi essere in grado di abbinare ad ogni abito il corretto periodo storico. Terminato questo primo step potranno scegliere il loro abito preferito e personalizzarlo in base a propri gusti.

 

 

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

 

Durata laboratorio e percorso di visita: 3 h 30'.

Nell’attività didattica è compresa la visita al museo, al borgo ed alla fortezza.

Prezzo per ogni ragazzo 4,5 euro (inclusi tutti i biglietti di ingresso). Minimo 15 pax.

 

 Giornalista di moda per un giorno

L’attività didattica inizia con la visita al museo. Durante il percorso vengono introdotto i concetti di moda, stile, tendenza, evoluzione della moda con riferimento ai grandi stilisti. I ragazzi durante questa prima fase saranno divisi in gruppi e dovranno raccogliere quante più informazioni possibili da utilizzare in sede di laboratorio. Terminata la visita, ancora divisi in gruppi, si sposteranno nell’aula didattica dove saranno chiamati a realizzare una vera e propria prima pagina di giornale dedicata all’argomento moda (es. ideazione della testata giornalistica, stesure di un articolo, ecc.).

 

 

 

La visita alla città-fortezza

La visita si concentra su tutto il sistema città-fortezza: vengono evidenziati meccanismi e tattiche di difesa sia in città che in fortezza, attraverso la più stretta strada d'Italia, costruita per una rapida ascesa al forte senza essere notati, le antiche mura, i passaggi aerei, le vie di fuga, le architetture militari che gli assedianti non hanno mai superato.

 

 

 

Per info e prenotazioni:

mail: info@nact.it;

www.nact.it

tel:0861 1752097

fax:0861 1752095

 

Attività e servizi:

 

  •     visite guidate al museo in italiano;
  •     visite guidate al museo in lingua inglese;
  •     visite guidate alla città fortezza di Civitella del Tronto;
  •     attività didattiche per le scuole;
  •     servizi educativi;
  •     bookshop;
  •     accesso disabili.

 

 

 

ORARIO DI APERTURA

 

Gennaio, Novembre e Dicembre

10.00/17.00 Sabato e Domenica o su prenotazione.

 

Marzo, Aprile ed Ottobre

10.00/18.00 chiuso il Lunedì e il Martedì

 

Maggio e Settembre

10.00/19.00 chiuso il Lunedì

 

Giugno, Luglio ed Agosto

10.00/20.00 aperto tutti i giorni

 

Febbraio

aperto solo su prenotazione

 

Aperture straordinarie:

 

  • Festività natalizie dal 26 Dicembre al 06 Gennaio 10.00/17.00 tutti i giorni;
  • Festività pasquali: lunedì dell'Angelo e martedì seguente dalle 10.00 alle 18.00.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BIGLIETTERIA

Intero

 

5,00 € (18 - 64 anni )

 

Ridotto

 

1,00 € ( 6 - 17 anni)

 

 

 

 

 

 RICHIEDI LA Civitella del Tronto Visit card...

 

        ...il miglior modo per vedere tutto e spendere poco.

DISCOVERY CIVITELLA DEL TRONTO

Invio del modulo in corso...

Il server ha riscontrato un errore.

Modulo ricevuto.

Comune di Civitella del Tronto

Indirizzo:

Corso Mazzini 75, 64010 Civitella del Tronto (TE)

 

Telefono:

0861 1752097

 

Fax

0861 1752095